29 dicembre 2009

Pan di zucca


Queste briochine sono splendide da mangiare al mattino per colazione.
Il pan di zucca di Piacenza e' una sorta di veneziana; è la merenda abituale dell’autunno, semplice così o farcito con marmellata oppure Nutella per i più golosi.
La pezzatura originaria prevede un grande pan brioches che ha il vantaggio di conservarsi fresco più a lungo. Una volta vecchio lo si può tagliare a fette e tostare, oppure scaldare in padella con una noce di burro e spolverare di zucchero. Nature secondo me è favoloso.

Un classico piacentino, che merita di espatriare :-).


Pan di zucca Sabrina Delfanti


Ingredienti

700 g farina
100 g zucchero (aumentare fino a 150 g secondo il gusto)
500 g zucca bertina
4 uova
sale
1 bustina lievito di birra
vaniglia (in stecca o estratto)
150 g burro morbido

Cuocere la zucca al vapore o al microonde dopo averla sbucciata, salando l'acqua. C'e' chi la cuoce al forno ma a mio parere cambia sostanzialmente il sapore. Versare nella ciotola dell'impastatrice la farina. Mescolarvi il lievito, il sale, lo zucchero e l'interno della bacca di vaniglia (se si usa l'estratto unirlo alle uova). Aggiungere la zucca schiacciata con lo schiacciapatate; no minipimer o frullatore, diventerebbe collosa, volendo utilizzare un passaverdura. Aprire le uova, batterle leggermente con una forchetta, unirle nella ciotola e avviare l'impasto con la frusta a foglia finché l'impasto e' ben amalgamato. Dovesse essere troppo duro aggiungere un poco di latte. Montare la frusta a gancio e cominciare a lavorare aggiungendo il burro morbido poco per volta. Lavorare finché l'impasto incorda e si stacca completamente dalle pareti.
Mettere in una ciotola precedentemente imburrata, coprire con pellicola e far cominciare la lievitazione per circa 30/40 minuti. Riporre nella parte meno fredda del frigo. Il riposo può durare dalle 4/6 ore alle 12. Si può anche saltare questo passaggio, ma conferisce sicuramente un sapore più buono prodotto, nonché una migliore digeribilità visto che viene fatto maturare l'impasto.
Togliere dal frigo un paio d'ore prima di lavorarlo e lasciare terminare la lievitazione.
Staccare delicatamente l'impasto dalle pareti della ciotola, rovesciare sul ripiano e fare un lungo filone. A questo punto provvedere preparando due grandi pan di zucca, oppure ricavare tante pezzature per fare delle monoporzioni. Quelle fatte da me erano 100 grammi cadauno. Dare la forma prescelta (treccia o veneziana), mettere su una placca rivestita di carta forno, pennellare con latte, cospargere con zucchero in granella o semolato e mettere a lievitare coperti a campana fino al raddoppio.
Cuocere in forno a 180 gradi per 15 minuti.
VARIANTI
Le brioches possono essere arricchite nell'impasto con uvetta.
Volendo omettera la granella di zucchero e una volta cotti pennellare con gelatina di albicocche, o con glassa con zucchero a velo e albume.
IMPASTO A MANO
Se non si impasta con l'impastatrice procedere normalmente versando la farina sulla spianatoia, fare la fontana in mezzo e mettere i vari ingredienti. Una volta impastato il tutto unire il burro ammorbidito poco per volta e lavorare battendo sul piano di lavoro.
Non faccio il lievitino perchè in genere non mi servono liquidi, sono sufficienti quelli della zucca.
VARIANTE CON LIEVITO NATURALE
Sostituire metà farina con 500 g di lievito madre facendo attenzione che sia molto attivo, fare per questo un paio di rinfreschi prima. In questo caso si può omettere il passaggio della lievitazione in frigo.

3 commenti:

Barbara ha detto...

Hai davvero le manine fatate: mi ricordo della ricetta, a te è venuta spettacolare, brava!

manuela e silvia ha detto...

Ciao! proprio buonissimi e pdolci questi panetti! uno in più ne avete preparato??!
baci baci

T. ha detto...

si ne avevamo preparato uno in più, ma..:-))